Mischiare o mescolare le carte?

Mescolare le carteMi trovo spesso nei miei spettacoli ad invitare alcuni spettatori a mescolare le carte, talvolta dicendo loro “Mischia il mazzo!”.
Anni fa, chiacchierando con un noto prestigiatore, lui mi disse che il termine mischiare in realtà è tipico del sud Italia e per via indiretta del Piemonte, per tutta la contaminazione dovuta all’immigrazione avvenuta dal dopoguerra agli anni 70. Un po’ come con l’esclamazione “Minchia!” insomma.
Mi sono chiesto allora quale sarà il termine corretto?
Con una breve ricerca ho capito che i più conosciuti mescolare e mischiare sono entrambi accettati e corretti, per ogni regione d’Italia.
Questi due termini sono in realtà molto generici e sono adatti per molti ambiti, mescolare gli ingredienti, mischiare i colori…

Il destino mescola le carte e noi giochiamo.   Arthur Schopenhauer

Mescolare carte 2C’è un termine che che è più specifico per le carte, ma alquanto poco usato: scozzare. Non stupitevi se invitando qualcuno a scozzare le carte questo vi guardi come un alieno uscito dall’uovo di Pasqua. È un termine quasi sconosciuto, anche tra i prestigiatori. Più noto è il suo contrario: accozzare, col significato di raccogliere , unire insieme, accordare. “Con i colori ci ha accozzato”, per dire che ha trovato la giusta armonia tra i colori.

– Monica: Abbiamo mescolato le carte e capito come si gioca, facciamo sul serio ora!
– Ross: Sei sicura? Phoebe ha appena scartato due Jack perché le sembravano tristi!         dalla serie TV Friends

Ma potreste trovarvi di fronte a qualcuno che vi chiede di menare le carte. Non è una perversione sadica nei confronti delle carte da gioco, ma un termine non riconosciuto dal dizionario italiano, ma usato in alcune province italiane, ad esempio Como e Lecco

Ricercando tra i termini dialettali ho scoperto molte altre forme di espressione, dal calabrese ‘mbriscare al napoletano ammiscà, dal toscano ruzzecare al piemontese armnè.

E chiunque abbia da aggiungere il suo, lo faccia!

La briscola. Gioco molto semplice. L’avversario sbatte sul tavolo una carta, e voi dovete sbatterla più forte. I buoni giocatori rompono dai quindici ai venti tavoli a partita. È opportuno, prima di sbattere la carta sul tavolo, inumidirla con un po’ di saliva. Le carte prendono così la caratteristica forma a cartoccio, e la durezza di un sasso. In molti bar, per mescolare un mazzo di carte da briscola, si usa un’impastatrice.    Stefano Benni

I temi dei bambini sullo spettacolo di magia in una scuola elementare

Due settimane fa la maestra Graziella di una scuola della provincia di Torino mi ha sorpreso regalandomi le copie dei temi che i bambini avevano fatto dopo aver visto il mio spettacolo di magia in una scuola elementare. Mi hanno fatto ridere tantissimo e ve ne ripropongo qui qualcuno.

Tutti i bambini sono degli artisti nati; il difficile sta nel fatto di restarlo da grandi.
Pablo Picasso

Racconto io. Il Mago J

Venerdì usciti da mensa abbiamo visto Mago J. 

Per prima cosa ci ha spolverati un po’ tutti e per seconda visto che diceva che c’era una mosca sui nostri nasi ha preso il ciapa mosche; poi una pistola con due mani e infine un battipanni con le punte a forma di pallone poi ha tirato fuori un pupazzo che ci faceva la pipì addosso e sapeva fare il ballo dell’indiano, ma l’ha posato nella scatola delle magie, un secondo dopo ha tirato fuori un palloncino l’ha gonfiato e BUM

L’ha scoppiato e ne ha tirato fuori uno più grande e ha tirato fuori dalla scatola un grande arnese per gonfiare il palloncino e BUM!

Anche questo palloncino era scoppiato. Allora ne ha tirato fuori un altro ancora più grande e l’ha gonfiato e non ho visto più niente, ma dopo un po’ ho aperto gli occhi e non ho visto la scena ma ci ha detto vi faccio un panettone e dopo un po’ aveva già messo dentro tutti gli ingredienti e ci ha messo dentro un fiammifero e ha bruciato tutto il panettone. Ha chiuso la pentola con il tappo; quando ha riaperto c’era una tortora bianca e il mago J ci ha spiegato che lui non aveva la patente e la tortora doveva guidare la macchina e ce l’ha fatta accarezzare.

Ce ne sono molti, con tanti complimenti dei bambini, che io ho pubblicato sul mio sito a questa pagina. Qui inserisco due temi che non ho inserito, forse perché “non mi fanno un gran pubblicità”, ma che trovo spassosi.

Gli adulti sono troppo seri per me. Non sanno ridere. Meglio scrivere per i bambini, è l’unico modo per divertire anche me stesso.   Roald Dahl

U1_little U2_little

Racconto io. Il Mago J. 

Venerdì 12 Dicembre di pomeriggio, dopo che abbiamo pranzato, è venuto il Mago J e ci ha fatto morire dal ridere con i suoi trucchi magici. Anzi mi correggo, un po’ magia, un po’ esperimento, un po’ tranquillità.

Alla fine ha eseguito una vera magia, anche se un poco disgustosa. Ha fatto apparire un colombo che, a suo dire, lo avrebbe portato a casa.

A questo punto è finito lo spettacolo e siamo rientrati in classe.

 

A1_littleA2_little

 

 

 

 

 

 

 

Racconto io mago J

Venerdì pomeriggio è venuto mago J a farci uno spettacolo. Più di un’ora ed era un po’ pazzo perché ha gonfiato un palloncino verde.

Era un po’ grande però quando l’ha gonfiato era diventato grandissimi. Tutti avevano paura che scoppiamo e allora tutti urlavano. A un certo punto il palloncino fece PUM!!!

Dopo prese un palloncino ed era molto più grande, ma molto più grande, per fortuna non è scoppiato e siamo restati tutti interi. In quel momento mi sono sentito calmo e lo spettacolo è stato bello.

Queste regole sono semplicissime, le capirebbe un bambino di quattro anni.
Chico, vammi a trovare un bambino di 4 anni, perché io non ci capisco niente!
Groucho Marx

 

 

Le meraviglie storiche di un prodotto

La meraviglia e lo stupore sono sensazioni innate che ci accompagnano per tutta la vita. Io in qualità di prestigiatore ne so qualcosa. Da piccoli è più facile provare sorpresa, poiché la poca esperienza e i minori filtri fanno sì che i bambini si stupiscano molto più che gli adulti. Ma le possibilità di essere meravigliati non finiscono mai.

Per provare queste sensazioni non serve per forza un mago, come ci insegnano Mariano Tomatis e Ferdinando Buscema nel loro bellissimo libro “L’Arte di Stupire” che consiglio di leggere per imparare a vedere il mondo con occhi diversi. Con il loro slogan “magia al popolo” ci insegnano che la meraviglia si nasconde in tutto: libri, video, edifici, azioni, parole, basta permettere alla mente di lasciarsi sorprendere.

Chi non è più in grado di provare né stupore né sorpresa è per cosi dire morto; i suoi occhi sono spenti.  Albert Einstein

Dopo avere scritto “Mercante di Fuffa“, il mio ultimo spettacolo teatrale, mi riscopro quotidianamente a stupirmi di fronte ad alcune trovate pubblicitarie per reclamizzare un prodotto o anche solo per attirare l’attenzione, come ho già scritto nell’articolo Le meraviglie matematiche di un’insegna.

Mangiando un boccone in una bellissima hamburgheria in Torino, in cui la scelta degli ingredienti e dei prodotti è molto ricercata , mi sono trovato a leggere questo cartello

miaccia medioevale

Scusate la bassa qualità della foto presa al volo. Il prodotto di cui tratta è la Miaccia, specialità a base di farina di mais.

Il cartello dice: la miaccia è un prodotto tipico della tradizione valsesiana, conosciuta anche nel canavese  con il nome di miassa. La miaccia è una cialda fragrante e sottile, alimento antichissimo (risale al Medioevo) si accompagna ottimamente con formaggio e salumi. E’ una specialità a base di farina di mais Isola.

Il fatto che sia buona non è messo in dubbio, ma questo cartello mi ha fatto ridere e vi lascio rileggere la frase per capire il motivo del mio stupore per ciò che c’è ho letto.

Se non lo capite ve lo faccio notare io nel prossimo paragrafo.

Un piatto piemontese a base di mais risalente al Medioevo o è una scoperta storica straordinaria o un piccola distorsione della storia per enfatizzare l’antichità di un prodotto. Il mais arriva dall’America, che è stata scoperta dopo il medioevo. Lascio a voi decidere se il canavese avesse un mais medioevale tutto suo o se la storia è stata presa un po’ per il naso. L’importante è aver trovato un attimo di meraviglia inaspettata all’interno di una hamburgeria.

Questo mondo è una meraviglia. Non c’è niente da fare, è una meraviglia. E se riesci a sentirti parte di questa meraviglia – ma non tu, con i tuoi due occhi e i tuoi due piedi; se Tu, questa essenza di te, sente d’essere parte di questa meraviglia – ma che vuoi di più, che vuoi di più? Una macchina nuova?  Tiziano Terzani

 

Le meraviglie matematiche di un’insegna

mercante di fuffa spettacolo teatraleL’anno scorso ho scritto e interpretato uno spettacolo chiamato “Il Mercante di Fuffa“, un “medicine show” moderno che riprende la tradizione dei ciarlatani che giravano le piazze dei paesi di tutto il mondo vendendo farmaci miracolosi, unguenti ringiovanenti e pozioni d’amore. Per scrivere il testo ho fatto molta ricerca sia nell’ambito specifico delle ciarlatanerie e delle medicine alternative sia dal punto di vista del mondo delle vendite. Da allora mi accorgo di cose che non vedevo prima e rimango affascinato dagli ingegni delle pubblicità e delle tecniche di marketing, che stravolgono scienza, storia e geografia per venderti un prodotto…senza che tu te ne accorga.

L’essenza della matematica è la sua libertà.  (Georg Cantor)

Nel mio spettacolo parlo di statistica, la scienza inesatta per eccellenza, tramite la quale ognuno può dire quello che vuole e interpretare i dati a proprio piacere. I numeri in generale possono essere manipolati per trasformare la realtà.

Un mese fa ho visto la seguente insegna in città e ne sono rimasto meravigliato dalla genialità.Insegna detrazioni fiscali

Il messaggio che ci trasmette è chiaro e molto allettante: PAGHI SOLO il 10% PER RIFARTI LA CASA.  Prodigioso!!!

Nel mondo delle vendite le percentuali vengono usate moltissimo e spesso a sproposito. Spero presto di riuscire a scrivere un articolo su questo argomento, ma ora voglio analizzare l’insegna frase per frase nell’ordine in cui sono scritte.

Trattandosi di un linguaggio, la matematica può essere usata non solo per informare, ma anche, soprattutto, per sedurre.  (Benoît Mandelbrot)

  • La detrazione fiscale del 65 % non è proprio uno sconto, tu lo paghi comunque. Lo stato ti detrarrà questa cifra dalle tasse in un tempo diluito in anni (molti). Quindi questi soldi tu comunque devi tirarli fuori.
  • Lo sconto è un altra parola magica che vuol dire tutto è niente. Lo sconto parte da un prezzo che tu non conosci, il cosiddetto prezzo di listino, che solitamente è aumentato della stessa percentuale dello sconto. Ma se ti viene detto che ti fanno uno sconto tu sei molto più contento e chi è più contento compra di più.
  • Con il 10% di spesa rinnovi la tua casa. E qui arriva il volo pindarico linguistico-algebrico che ha del geniale. Ovviamente la detrazione è fatta sul vero prezzo pagato, già scontato. Quindi 65 e 25 sono numeri che non si sommano!  Se da una cifra intera di 100 Euro togliamo il 25% di sconto ci rimangono da pagare 75 Euro. Detraiamo il 65% di 75 Euro sono 48,75 Euro che possiamo risparmiare. Sempre tenendo conto che comunque i soldi che potremo detrarre dallo stato dobbiamo tirarli fuori comunque. Ci rimangono da pagare 26,25 Euro! Quindi la spesa reale è il 26,25% e non il 10% come dichiarato.

Il nostro cervello si lascia tranquillamente ingannare dalla matematica , ritenuta erroneamente la scienza perfetta. La matematica rimane un’opinione … e qualcuno potrebbe averne una pessima opinione.    Io al proposito mi sono fatto un’opinione.

La matematica non è un pignone, come diceva Coppi.  (Renato Pozzetto)

Spettacolo della Befana ad Aosta con Arte in testa

Fare spettacolo per bambini il 6 Gennaio ad Aosta all’aperto mi incuteva immagini di bufere di neve e folate di vento che portavano via i bambini, memore di uno spettacolo portato ad Aosta tanti anni fa.

In realtà il giorno della Befana era un giornata bellissima e grazie all’ottima organizzazione dell’evento da parte di Arte in Testa, capitanata dal mio caro amico Luca Addario, tutto è andato benissimo, con tanta gente, tanta musica e tanto divertimento.

Se volete vedere un assaggio dello spettacolo della giornata la trovate qua.

Jefte lo mago al Carnevale Storico di Verres 2015

Tra uno spettacolo di Carnevale l’altro mi sono ritrovato nel mese di Febbraio a impersonare Jefte lo Mago, giullare medioevale, che di solito utilizzo solo nel periodo estivo.

Tra le nevi appena cadute e quelle che promettevano di arrivare, mi sono inerpicato fino allo splendido castello di Verres (AO) con la mia mucca e il cane invisibile che mi accompagnano in questi spettacoli , scoprendo una festa bellissima.

Tantissimi i partecipanti, figuranti e organizzatori.  Io mi sono divertito molto.

Jefte con Caterina e Pierre, personaggi storici protagonisti del Carnevale 2014

Jefte con Caterina e Pierre, personaggi storici protagonisti del Carnevale 2014

Carnevale Verres 2015, spettacolo medioevale

Beh, forse non tutti i partecipanti indossavano vestiti storici, ma questo Batman medioevale è stato un ottimo assistente.

Carnevale Verres 2015, corteo con Jefte giullare medioevale

In corteo con il timore che mi arrivasse la neve dall’alto, sottovalutando il pericolo dei coriandoli dal basso.

Carnevale Verres 2015, spettacolo medioevale nel castello di Verres

Ok, ok, da ste foto sembra che sia l’unico vestito medioevale, ma vi assicuro che c’erano un sacco di figuranti in veste storica. Ai bambini veniva lasciata più libertà!

 

Mini serie web: Era solo un’illusione

Un anno fa sono stato coinvolto da Carla Carucci per la realizzazione di una delle 5 puntate di una mini serie web sul personaggio clownesco di Rosi, che sogna un amore per la vita e lo cerca negli annunci sui giornali.

Ne è nata una serie divertentissima, grazie all’espressività di Carla e la regia di Stefano Giovannini. Tutti i video che lui realizza sono sempre capolavori.

Ecco qui al puntata che mi riguarda, in cui propongo un po’ delle mie cretinate e un tocco di magia. Spero che vi diverta come ha divertito me il realizzarla.

 

Ora che la avete vista  provate a gustarvi tutte le altre puntate.

Era solo un illusione è una produzione di Manuel Bruttomesso, tratta da un idea di Carla Carucci con il suo spettacolo teatrale “Ragazza seria conoscerebbe uomo solo max 70enne”.

Un incontro con il mondo fotografico dei Bozmuz

Una settimana fa ho scoperto lo studio dei Bozmuz in cui creano delle foto “magiche”.

Quale sia il trucco lascio a voi scoprirlo, ma lasciate che l’occhio rimanga ingannato dalle illusioni fotografiche create da questi due professionisti del settore.

Jefte Fanetti, prestigiatore moderno

La levitazione rivista in chiave alternativa

 

Jefte e la giovane assistente Rebecca in un palco creato dalla fantasia. Nessun filo, nessun gioco di luci, nessun macchinario strano e soprattutto nessun fotomontaggio!

 

Un prestigiatore che crede nella poesia delle illusioni

Jefte e il cappello inesauribile

 

 

La poesia di un immagine unita alla fantasia di coloro che la hanno creata creano un illusione ottica che a me piace tantissimo.

 

 

 

 

E se volete scoprire tutte le altre creazioni dei Bozmuz visitate la loro pagina Facebook.

Mercante di fuffa!

Mercante di Fuffa al Teatro della Caduta 2015

 

 

 

 

 

 

Da sempre la scienza è alla ricerca di prodotti che risolvano i problemi della gente. Oggi finalmente arriva la soluzione, un unico prodotto adatto ad ogni tipologia di sintomo, malattia, patologia, sofferenza, fastidio, malanimo, indisposizione, fissazione, morbo, allergia, turbamento, disturbo, acciacco, malessere, inestetismo, ossessione, sindrome, tic, magagna, paranoia, preoccupazione, paturnia o vizio.
Senza giri di parole la promessa è che tutto ciò che vi sarà proposto sarà pura fuffa, una medicina che può risolvere ogni problema esistente o inesistente.

Un moderno “spettacolo medicina” che riprende la tradizione dei ciarlatani e imbonitori di strada che vendevano farmaci e unguenti dagli effetti miracolosi.
E chi meglio di un eccentrico prestigiatore quale Jefte Fanetti potrebbe cercare di vendervi questi inganni? Tra gli stupefacenti effetti di questi prodotti medicinali e la meraviglia che proverete nel vedere i risultati ottenuti, tutti andrete a casa dicendo: “Mai più senza!”.

Uno spettacolo comico, ironico e sardonico, condito con le arti della magia e del cabaret, adatto a ogni età e patologia.

Ritorna al Caffè della Caduta Via Bava 39, Via Buniva 24 (Vanchiglia), 10124 Torino